Mobile is King: comincia l’era del Google Mobile First Index

Google Mobile First Index

A partire da luglio Google utilizzerà in modo prevalente la versione mobile dei siti per effettuare la scansione, l’indicizzazione e la classificazione dei contenuti, mentre finora i sistemi del motore di ricerca hanno basato le loro valutazioni sulla versione desktop. Questo sembra un tecnicismo invece è una rivoluzione copernicana che costringerà tutti gli addetti alla comunicazione a ristrutturare le proprie mappe mentali, mettendo davanti a ogni altra considerazione la navigazione via smartphone.

Per ottenere buoni risultati nell’indicizzazione su Google i webmaster d’ora in poi dovranno garantire la migliore user experience possibile a chi visita un sito tramite dispositivo mobile. Ma quali sono i parametri da considerare per essere sicuri di avere un sito pienamente mobile responsive? Ecco i principali:

VELOCITÀ

Rendere più rapido il proprio sito è l’azione prioritaria per migliorare l’esperienza utente e, di conseguenza, per essere premiati dai bot di scansione di Google. Come procedere? Scegli un hosting (il servizio di rete che permette di collocare su un server le pagine di un sito web) certificato, sicuro e che preferibilmente ospiti i server nel paese in cui operi con il tuo sito. Elimina anche tutti i plugin e i widget non indispensabili. Per avere un’idea della velocità del tuo sito puoi ricorrere a molti strumenti gratuiti, come ad esempio il PageSpeed Insight offerto da Google: developers.google.com/speed/pagespeed/insights.

USABILITY

La versione per smartphone di un sito web non può non tenere conto dell’esistenza di aree dello schermo più facilmente a portata di dito. Tendenzialmente le parti più vicine ai bordi sono quelle che ricevono meno attenzione e più difficilmente cliccabili, perciò è importante non piazzarvi contenuti rilevanti o pulsanti per la call to action. Da evitare anche i caratteri molto piccoli che obbligano allo zoom e impediscono di accedere con facilità alle voci di un menu.

CONTENUTI TESTUALI

Scrivere molto testo ha permesso, fino ad oggi, di inserire in una pagina web, in maniera organica, le keywords utili al posizionamento del sito sui motori di ricerca, ma da domani le cose potrebbero cambiare radicalmente. Tanto testo sullo schermo di un cellulare potrebbe scoraggiare un utente e convincerlo ad abbandonare la pagina. Per scongiurare il rischio di un tempo di permanenza mediamente basso che influisce negativamente in termini di SEO e SERP è importante curare il layout dei contenuti testuali, assicurandosi di posizionarli in aree facilmente raggiungibili dagli utenti via mobile e fornendo sempre una sintesi dell’informazione principale, con l’approfondimento che segue questo incipit.

META TAG

I meta tag sono le informazioni inserite nel codice html di una pagina web che il motore di ricerca individua come sintesi ed argomenti dei contenuti della pagina. Se gli utenti da mobile effettuano ricerche differenti rispetto a quelle compiute da desktop una buona idea potrebbe essere quella di differenziare i meta tag, scegliendone di analoghi ma non identici per entrambe le versioni in base alle abitudini di ricerca e di navigazione degli utenti dai vari dispositivi.